Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage L'inizio I campi La vita 8 Settembre Il ritorno Contatti 

Geneifa

Nel frattempo, a Geneifa (Egitto) - in un campo in via di costruzione - venivano raccolti i PoW catturati sul fronte libico e nel Mediterraneo: i militari della nave Rodi, i soldati fatti prigionieri in azioni sul confine libico-egiziano (con il primo Generale catturato), i marinai del sommergibile Liuzzi e quelli del cacciatorpediniere Espero, oltre agli aviatori abbattuti nei cieli di Malta e dell’AS. A questi, il 23 luglio, si unirono i superstiti dell’incrociatore Colleoni, inabissatosi a Capo Spada. Non tutti i marinai del Colleoni finirono a Geneifa, alcuni furono portati nel campo di Ketziot (deserto del Sinai), ma nel 1942 si ritrovarono tutti insieme nell'India Britannica. La stessa destinazione dei quattro uomini del sommergibile Rubino: T.V. Bracco, Ten. GN Germano, GM Hirsch e Capo Maroni, e dei piloti: Ten. Solimene e S.Ten. Balsamo. Così fu anche per i marinai dell’Uebi Scebeli, affondato come il Rubino, il 29 giugno 1940.

Il campo n. 306 di Geneifa. Sullo sfondo il Canale di Suez

GENEIFA



© 2012 POWININDIA. All rights reserved





Crea gratis il tuo sito web